class="post-template-default single single-post postid-6908 single-format-standard elementor-default">
Home Shopping La mia spesa su Amazon

La mia spesa su Amazon

by Giada Lopresti

Amazon per me è una droga. Sapevatelo.

Il mio portafogli (o forse sarebbe meglio dire la mia carta di credito) mi odia davvero fortemente dal giorno in cui ho scoperto questo sito. 
E la parte più bella è che iniziato tutto per caso qualche anno fa con una cover per il telefono.

Mentre oggi ci faccio addirittura la spesa.

Ai miei tempi – perché nonostante i miei giovani 32 anni posso dirlo – molte cose erano diverse.
Si usciva senza telefono perché i cellulari non esistevano o, quantomeno, erano un lusso per pochi eletti.
La musica si ascoltava su nastro o al massimo su cd. Non esistevano iPod, iPad, iPhone e solo da poco iniziavano ad essere commercializzati i lettori MP3 che andavano a sostituire quegli scafandri che su usavano come riproduttori di musicassette.

Poi sono nati gli ormai diffusi e sempre più tecnologici prodotti Apple che hanno rivoluzionato il mondo e, insieme a questi, anche gli e-commerce.

Ho iniziato comprando su ebay. Si trovavano molti prodotti tra diverse scelte, diversi prezzi e anche se con parecchie fregature, anche molti articoli di tendenza.
Con il tempo però oltre che essere passato un pò di moda ha lasciato spazio ad altri shop più convenienti, veloci e decisamente più comodi.

Sei si di acquistare online. preferisco uscire e toccare con mano quello che stavo comprando soprattutto per la fretta di possederlo.

Poi i tempi cambiarono. Cambiarono le necessità, le disponibilità e soprattutto l’organizzazione.

Solo per caso sentii parlare di Amazon.
E quel caso fu l’inizio della fine.

Trasferitami in calabria ormai nel troppo lontano 2009 avevo perso tutte le mie comodità: il centro commerciale dietro casa, beni e servizi ad uno schioppo di dita, il semplice uscire a piedi e in soli cinque minuti aver fatto tutto ciò che la giornata aveva previsto regalandomi così del tempo per me stessa.

Arrivata qui senza un auto mia e dipendente solo dal famoso “tacco e sola” e dal treno che mi portava al lavoro, non avevo mai il tempo di riuscire a trovare quello che volevo unendo il minimo sforzo con il massimo risultato.
Articoli di un determinato brand, prodotti non oltre una cifra prestabilita. persino la semplice assistenza post acquisto era diventata snervante.

E quando mi dissero “provato Amazon una volta non lo molli più” non sapevo ancora che questa affermazione sarebbe stata una “triste” realtà.

Iniziando ad acquistare una semplice cover per l’iPhone mi sono ritrovata nel giro di poco tempo ad acquistare ogni cosa.
Il libro che volevo leggere (tra cui anche il divertentissimo volume sulla genitorialità che consiglio I papà vengono da marte, le mamme da venere), l’accessorio economico, il seggiolino auto per mio figlio durante il black friday e persino le decorazioni per la casa che erano più belle e accessibili.

Ragion per cui nonostante per molto tempo abbia titubato, decisi poi di attivare il servizio di Amazon Prime in prova per trenta giorni. E, se ne fossi rimasta soddisfatta, lo avrei mantenuto per il primo anno ed eventualmente deciso alla scadenza di rinnovarlo.

Ormai oggi tutti conoscono Amazon che conta milioni di clienti e venditori in tutto il mondo.

E quasi tutti conoscono anche questo servizio (Amazon Prime appunto del quale spesso ho visto la pubblicità in tv) che con soli 19,90 euro all’anno ti permette di scegliere tra migliaia di prodotti convenienti con la possibilità di non pagare le spese di spedizione e ricevere il proprio ordine anche il giorno dopo.
Oltre che ad altri notevoli vantaggi.

Ecco.

Invogliata da questa prospettiva quindi ho deciso non solo di provarlo ma anche di attivarlo rinnovandolo di anno in anno da ormai quasi quattro anni.

Se credevo però che acquistare su Amazon fosse l’inizio della fine, acquistare con Amazon Prime crea letteralmente dipendenza.

Con gli anni infatti Amazon non solo si è evoluto migliorandosi sempre di più ma da qualche tempo ha anche attivato il servizio Amazon Famiglia che ti consente di ricevere un preciso giorno del mese la tua spesa abituale pagando alcuni prodotti meno che al supermercato se non addirittura ancora meno di quando ci sono i volantini delle offerte.

Io ad esempio uso questo servizio da tre mesi e, ogni mese, mi faccio recapitare a casa:

  • i pannolini (che costano quanto le più comuni offerte)
  • il pesto (sul quale risparmio quasi un euro a vasetto rispetto al supermercato)
  • i biscotti (che i miei figli spazzolano via a quantità industriali e che pago addirittura meno rispetto a quando sono “in offerta”)

Ogni due mesi invece oltre a quello elencato qui sopra mi arrivano anche:

  • una scorta di tovaglioli (6 confezioni)
  • il prodotto per pulire la lavastoviglie

Le spedizioni avvengono in automatico e si possono modificare in base alle esigenze. Più prodotti arrivano nello stesso ordine e più si risparmia.

Persino con i dash button mi trovo benissimo. Quell’aggeggio super figo che vai a schiacciare quando sei in procinto di finire un prodotto e che lo ordina (sempre su Amazon) al posto tuo.
Soprattutto perché per la maggior parte dei prodotti ti offrono una convenienza disarmante come per le salviette pampers che qui consumiamo a chili e che costano nella confezione da sei, qualcosa come dieci euro.

Ho dash button seminati per tutta casa pronti ad essere utilizzati, il mio ordine che mensilmente devo solo aspettare di ricevere e un assuefazione da Amazon da fare invidia alle più malate di shopping online al mondo.

E se è vero che dopo aver scoperto il discount perfetto per fare la spesa non ci sarebbe il bisogno di comprare nulla di marca, certe buone abitudini sono difficili a morire e ad alcuni prodotti è altrettanto difficile rinunciare.
Soprattutto quando, acquistando online e con Amazon Prime, gli unici sforzi che devi fare sono muovere un mouse, schiacciare un bottone e aprire la porta di casa al corriere.

Spesa su Amazon

©MammaCheVita - Tutti i diritti riservati

You may also like

2 comments

Valentina 21 Febbraio 2017 - 22:10

Come promesso, ho trovato il tempo di leggere alcuni tuoi post!!! Ovviamente utili!!! peccato che abbia solo il Roomba come aspirapolvere, da te consigliato… e l’aspira muco non posso utilizzarlo… ma la storia della spesa su Amazon è una figata… i dash botton li volevo comprare… mi ci sono messa tante volte, e poi ancora non lho fatto… peccato che molti prodotti che uso io non ci siano in botton ma voglio capire di più su questa cosa della Amazon famiglia… un bacio Valentina

Reply
Giada Lopresti 22 Febbraio 2017 - 10:36

I bash Botton mi hanno salvato la vita. Non so te, ma io ho perso il conto delle volte che mi dimentico di segnare le cose da comprare e di ritrovarmi con il pacco terminato nel momento del bisogno.
E poi per il discorso Amazon famiglia che trovi anche sotto iscriviti e risparmia è davvero conveniente. Magari non per tutti gli articoli! Ma noi per quello che acquistiamo ci troviamo alla grande.
Un bacione.

Giada

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.