Home LifeBe a son La pulizia dei dentini (seconda parte)

La pulizia dei dentini (seconda parte)

by Giada Lopresti

L’igiene orale è molto importante per i bambini, anche per quelli che denti ancora non ne hanno, come i neonati. Di fatti in questi ultimi anche se ne i primi mesi di vita non sono visibili, sono presenti sotto le gengive già dalla gravidanza, e quindi bisogna imparare a prendersene cura.

Primi dentiI primi dentini spunteranno, in linea generale, tra il quarto e il nono mese di vita, e bisognerà prendersene cura da subito, lavandoli  e spazzolandoli con appositi spazzolini (con setole morbide o di gomma) e i dentifrici appositi.
I dentifrici si dividono in tre fasce di età:
  • 0-3 anni (privi di fluoro),
  • 3-6 anni (con un contenuto in fluoro inferiore ai 500 ppm)
  • dai 6 anni in su quando l’unica differenza dal dentifricio per adulti è il sapore e il “vestito”
Ovviamente l’uso del dentifricio è vincolato alla capacità del bambino di non ingoiarlo.
Bisogna comunque iniziare con la cura dell’igiene orale ancor prima che i dentini incomincino a tagliare le gengive, proprio nei primi giorni di vita. Le accortezze sono semplici da seguire:
  • Attenzione agli zuccheri: proibito il miele, lo zucchero o qualsiasi altro tipo di dolcificante su eventuali ciucci che diamo al bambino o all’interno del latte. Anche se delle volte possono essere degli ottimi aiuti per far si che prendano il ciuccio in qualche momento di crisi in cui non si riesce a fare calmare il bambino, si corre il pericolo di farlo abituare ai sapori dolci alla quale difficilmente rinuncerà iniziato lo svezzamento, con il conseguente rischio di andare in contro a carie precoci.
  • Igiene fin da subito: dopo la poppata o dopo un rigurgito, pulite la bocca del bambino con una garza umida così da eliminare la sottile patina di placca che si forma, in particolar modo per i bambini allattati al biberon, poiché gli zuccheri contenuti nel latte, depositati sulle gengive per un lungo periodo come il riposo notturno, si trasformano in acidi e possono provocare delle carie sugli incisivi frontali superiori e inferiori chiamate dagli esperti la “carie da biberon”
  • Parlate con il pediatra in merito all’uso del fluoro come integratore per i bambini. Il fluoro è molto utile perché rafforza lo smalto dei denti, e per alcune serie di motivazioni a livello osseo. La scelta del tipo di fluoro e del periodo di inizio somministrazione varia da pediatra a pediatra. Nel mio caso ill pediatra della clinica dove ho partorito mi l’aveva prescritto, insieme a un’infinità di altri integratori, fin da subito, mentre il mio pediatra di base, mi ha detto che avrei potuto interromperlo e iniziarlo obbligatoriamente dai sei mesi del bambino: così ho fatto.
Con lo svezzamento, invece la pulizia dovrà essere più accurata soprattutto alla fine di ogni pasto, in quanto le aggressioni da parte degli acidi che si formano in bocca sarà maggiore. Tutto questo sempre effettuato con una garza umida o un guantino apposito per la pulizia orale dei neonati.
Ovviamente questo procedimento va eseguito fino alla comparsa del primo dentino, dove andremo a sostituire la garza umida con un vero e proprio spazzolino, all’inizio in setole di gomma e successivamente in setole morbide (generalmente dopo i 12 mesi o quando lo permette la dentizione).
C’è chi pensa che l’igiene orale nei neonati  e nei bambini con i denti decidui (o da latte) non sia importante in quanto sono dentini che con il tempo cadranno e andranno sostituiti dai definitivi. Beh vi svelo un segreto, non è così.
Una corretta igiene orale, oltre che ad eliminare il rischio di carie, contribuisce allo sviluppo corretto delle arcate dentarie dei denti permanenti che possono trovare così il necessario spazio per la loro collocazione naturale. Avere una bocca sana, influenza anche molti aspetti della salute generale del corpo: dalla postura, ai problemi di schiena o alle ginocchia, al modo di camminare, alla digestione, alla salute dell’udito, non possiamo quindi sottovalutare l’importanza di una bocca sana fin dalla nascita.
Dal mio canto, io qualche errore da mamma “ignorante” l’ho commesso, ma dopo un’adeguata informazione in merito e un’approfondita ricerca sulla storia dei
denti nelle nostre famiglie, ho capito di dover dare molta più importanza, attenzione e cura alla bocca e ai denti del mio bambino.
©MammaCheVita - Tutti i diritti riservati

You may also like

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.