Home LifeBe a mom Una carrozza alternativa.

Una carrozza alternativa.

by Giada Lopresti
L’estate ogni tanto sembra non voler arrivare e cerca di nascondersi ancora dietro le giornate di pioggia, ventose e di cieli nuvolosi, ma inevitabilmente arriverà con il suo sole caldo, le sue giornate limpide, il mare, le vacanze e le lunghe passeggiate.
Quest’anno mi potrò godere un’estate ancora più speciale della precedente: Cesare sarà più autonomo e si divertirà a scoprire i giochi da spiaggia come i castelli di sabbia, la ciambella, la piscinetta, le bocce, ecc e io non vedo l’ora! Poi ovviamente ad un certo punto arriverà anche Boh che, al contrario di come abbiam potuto fare con Cesare, probabilmente si godrà da subito l’aria fresca delle passeggiate, e quindi probabilmente non dovremmo chiuderci in casa anche per questo evento.
Ogni tanto mi soffermo a pensare come sarà portare tutti e due in giro con l’Xplory: se sarà comodo, se Cesare si troverà a suo agio sulla pedana che aggiungeremo, se non mi farà impazzire inseguendolo qui e li in continuazione e se non sarà stanco di stare sempre in piedi. Questi dubbi mi vengono e penso che forse non sarà così facile come inizialmente prevedevo. Ovviamente a casa i passeggini non mancano perché oltre a quello del trio di Cesare abbiamo anche un altro fedele compagno come passeggino leggero. Il problema si porrà solo quando dovrò uscire da sola con entrambe le mie pulci.
Allora mi sono soffermata a pensare ad un vecchio post, di quando ancora fantasticavo sui gemellari e dove ovviamente il protagonista dei miei pensieri e sogni era già firmato Stokke®, e mi è venuto in mente il secondo passeggino dei miei sogni: lo Stokke Crusi.
Quando ho ricevuto l’Xplory avrei potuto scegliere tra i due e il mio “cuore” ha scelto per me ma ogni tanto mi chiedo se io abbia fatto bene. Già perché il Crusi oltre ad essere un passeggino meraviglioso può diventare anche gemellare!
Stokke crusi fratellare

Lo Stokke Crusi infatti non ha davvero nulla da invidiare allo Stokke Xplory nemmeno in termini di design: ha infatti anch’esso una seduta alta che favorisce l’interazione con il genitore e questo implica il poterlo sfruttare anche come seggiolone per quando ci si trova fuori casa anche in situazioni improvvisate, perché permette al bambino di rimanere seduto a tavola alla giusta altezza.

Anche questo come l’Xplory ha la possibilità di essere composto come trio, duo o passeggino singolo. Le parti che lo compongono sono infatti: navicella, ovetto e seduta. La navicella è davvero molto spaziosa, e al contrario di quella dell’Xplory che segue il design del telaio, è perfettamente ovale, mentre la seduta e i due ovetti (iZi Sleep e iZi Go) sono gli stessi che si montano sul telaio dello Stokke Xplory.
Al contrario del primo, il Crusi non ha la borsa shopping integrata ma possiede un davvero ampio cestello porta oggetti proprio sotto la seduta. E’ accessibile da tutti i lati del passeggino senza sforzi o scomodità dell’arrivarci, soprattutto con un singolo seggiolino montato sulla struttura.
Nel caso in cui fosse necessario l’acquisto di una seconda seduta per far diventare il passeggino gemellare, il cestello porta oggetti viene però quasi totalmente occupato dal seggiolino che viene incastrato posizionandolo al di sotto della seduta principale, quindi va indubbiamente ad “occupare ” una parte importante del passeggino soprattutto se si ha la necessità di riporre qualcosa.
Io personalmente, anche con il mio passeggino precedente, il cestello lo sfruttavo poco (anche perché era molto piccolo) e mi ero munita di ganci da passeggino al quale appendere i vari sacchetti e giacche, che sto sfruttando anche sul mio Xplory.
Per quanto riguarda l’aprirlo e il riporlo, il Crusi si richiude staccando la navetta/seduta/ovetto e richiudendo a parte il telaio, e anche per questa struttura il meccanico è facilmente comandato da una sola mano.
Stokke crusi navicellaTra l’altro non so chi di voi segue Stokke, ma da qualche giorno (Maggio ’14) sono uscite anche le nuove colorazioni che sono assolutamente da urlo: Deep Blue e Black. La Stokke ha infatti pensato che tutti i colori “diversi” o “particolari” prima o poi possono stancare o diventare comunque ai nostri occhi fuori moda, ovviamente per chi tiene anche a quest’aspetto, e ha deciso di creare questi due colori proprio perché le tendenze vanno e vengono ma il vero stile rimane sempre.
Stokke presenta quindi i due colori senza tempo della collezione Transport, sofisticati e versatili che soddisfano ogni esigenza estetica. Ispirati dai colori moda preferiti da sempre, Deep Blue e Black sono classici e moderni, sia che il proprio stile tenda alla sobrietà e all’eleganza o alla modernità e alla perfezione. Per quanto mi riguarda questi due colori danno un vero senso di design raffinato e qualità al top.
I prodotti disponibili nelle nuove colorazioni oltre allo Stokke Crusi saranno il mio adorato Xplory, il marsupio Stokke MyCarrier e i due seggiolini auto iZi Sleep e iZi Go (entrambi by BeSafe).
Tornando infine al mio confronto/pensiero sul mio Xplory e il bellissimo Crusi,  trovo che l’unica “sostanziale” differenza tra i due sia solo il design nonostante siano entrambi passeggini a 4 ruote, ma per quanto riguarda il resto, a parer mio si equivalgono alla grande, sia come comodità che come maneggevolezza, ma per chi avesse qualche dubbio può sempre confrontare le varie caratteristiche sul sito Stokke® (e alla fine mi darà ragione).

Avro fatto bene la mia scelta? Sicuramente tra non molto lo scoprirò.

New color stokke crusi stokke xplory
I prodotti Stokke® sono in vendita presso tutti i negozi autorizzati Stokke®

Vuoi conoscere il sito o il negozio dove poter trovare i prodotti Stokke al prezzo più conveniente?

©MammaCheVita - Tutti i diritti riservati

You may also like

3 comments

Due volte Mamma 4 Maggio 2014 - 8:05

Ero andata a vedere i passeggini doppi x l’arrivo di Filippo e ti dico che li avevo valutati TUTTI, stokke compreso, ma non mi aveva convinto xche (come altri modelli simili, tipo baby jogger) mi danno un po’l’idea di scomodità x un doppio posto. Cioè, bellissimi da soli, ma come doppi li vedo poco.
Ho valutato i doppi classici, volevo che la seduta si reclinasse completamente a 180 x sfruttarlo il prima possibile e allora la cerchia si stringeva, se poi ci aggiungevamo il fatto che volevo che entrasse perlomeno nel baule della macchina la scelta era quasi nulla!!
Alla fine ce l’hanno prestato, un vecchio pegperego di cui non ricordo il modello (non il duette!), ma se avessi dovuto comprarlo io avrei scelto jane.
Cmq guarda, io lo uso poco xche in genere quando esco ho quasi sempre qualcuno con me e di passeggini ne usiamo due, sennò seson sola, il piu delle volte il piccolo va nel marsupio! !

Reply
Giada Lopresti 5 Maggio 2014 - 15:20

Effettivamente le cose da valutare sono molte e l’unica cosa che posso fare è vedere come va con il mio Xplory anche perché per tutta l’estate ci saranno i miei e Boh potrà uscire solo il pomeriggio tardi a meno che non lo voglia cuocere sotto al sole! Quindi per i primi periodi forse non riscontrerò problemi. Valuterò tutto con calma quando saranno in due, al massimo tanto un passeggino doppio si fa sempre in tempo a comprare (anche se sono mutui)!
:*

Reply
Il passeggino gemellare Stokke Crusi | MammaCheVita 2 Aprile 2015 - 15:39

[…] chi non lo avesse mai visto è il passeggino “classico” di Stokke di cui vi ho parlato qualche mese fa. La più bella caratteristica di questo passeggino è che da singolo può diventare gemellare. […]

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.