class="post-template-default single single-post postid-5815 single-format-standard elementor-default">
Home Senza categoria Ricordi in confetti
ricordi-di-confetti-anterpima

Ricordi in confetti

by Giada Lopresti

Quando penso alla mia infanzia difficilmente riesco a ricordare i momenti tristi di questa parte della mia vita.
Ricordo i sorrisi, le abitudini, la quotidianità e tutti i momenti sereni come una calda coperta che mi avvolge morbida le spalle appoggiandosi al corpo e tenendomi al sicuro.

Per una buona parte della mia vita i miei ricordi più belli sono legati ad alcuni momenti del passato che coinvolgono le mie amicizie, i primi amori e i miei momenti di indipendenza in un posto che ai tempi non era il mio. Un posto che adesso lo è.
La mia vita di bambina, di ragazza e di donna è rimasta sempre legata a due terre distanti tra loro ma che allo stesso tempo in poco più di trent’anni hanno saputo regalarmi momenti emozionanti che mai spero di dimenticare.

Il mio cuore è sempre appartenuto un pò a Milano e un pò a Bagnara.

A momenti alterni più per un luogo piuttosto che per l’altro, ma entrambe hanno sempre fatto parte di me regalandomi giorno dopo giorno istanti che mi hanno fatto diventare la donna e la mamma che sono oggi.
Un tempo guardavo il paese dove adesso vivo come una meta da raggiungere, un obiettivo da prefissarmi soffrendo e sentendomi stretta in quella caotica città che per anni tanto ha saputo regalarmi tanto senza che io lo sapessi apprezzare pienamente.
Adesso invece, dopo sette anni qui ho compreso quanto quella città che tanto non ho saputo stimare per tre quarti della mia vita mi manchi davvero.

Mi manca tutto di quel posto sempre così frenetico ma che ogni volta che vivo mi fa sentire di nuovo a casa nonostante le molte troppe cose della mia vita siano radicalmente cambiate.

Da bambina vivevo nostalgica i profumi e i sapori della mia estate osservando le foto delle stagioni che volando via cercavano di non farmi perdere nessun particolare di quei pochi giorni in compagnia di quelli che per me sono stati gli amici veri di una vita.
Oggi invece ripercorro i miei ricordi nostalgica di quella che è stata e che sarà sempre casa mia, con i ricordi di una bambina che forse ha guardato più in la di quanto avrebbe dovuto.

Ripenso al mio essere bambina quando sento un profumo che mi ricorda casa.

Ripenso e rivivo molti momenti grazie alla costante presenza dei miei genitori, le stesse persone che quando ero piccola si alternavano in no e in si senza farsi scoprire l’uno dall’altro.
Ricordo le passeggiate al centro commerciale con il papà, le colazioni al bar con la mamma e le passeggiate in bicicletta per andare a scuola con il vento che tagliava il viso.
E di tutti questi ricordi, i più divertenti e pieni forse li ho vissuti con la donna della mia vita. Colei che ha saputo mettermi al mondo diventando negli anni una parte fondamentale di me in stile “una mamma per amica”.

Mi piace pensare a noi nei miei vizi e nel suo saper avere polso quando un no era davvero no senza compromessi.
Ricordo però anche le marachelle che per anni ha coperto e la complicità che si rafforzava di giorno in giorno.
Momenti che non devo e non voglio dimenticare nonostante ormai di primavere ne siano passate molte.

Oggi con i miei figli giorno dopo giorno cerco di ricreare gli stessi momenti anche solo per poter capire cosa mia madre provasse in alcune situazioni.
Vado insieme a loro a fare la spesa proprio come io facevo ai tempi con i miei genitori e rivivo attraverso i loro occhi i mille mila “mamma me lo prendi?” ogni qual volta vogliono acquistare qualcosa per loro, qualcosa che solitamente non è nella tabella dei cibi più salutari.
Le stesse cose a cui io per prima non riesco a rinunciare e per il quale dopo un iniziale sguardo titubante cedo sciogliendomi davanti a quegli occhioni dolcissimi.

E tutto questo accade ogni volta. Puntualmente.

Stesso supermercato, stesso giro, stesse cose chieste e richieste e io che mi riproietto costantemente nei miei flashback di bambina ormai troppo cresciuta.
Il carrello che si riempie e la cassa che sembra sempre più lontana fino a quando una volta arrivati, nel mentre si cerca di svuotare il suo contenuto, loro continuano a riempirlo con vari dolci trovati a bordo cassa e dove a me, puntualmente cade l’occhio su una cosa che mi scaraventa di nuovo nei ricordi più teneri.
Io che cerco sempre di limitarmi negli acquisti “ultimo minuto” ogni volta non posso fare a meno di cedere alla sezione caramelle dove tra le tante scelte scelgo sempre le stesse: il confetto menta Saila.

Quanti ricordi solo con un semplice pacchetto. Un pacchetto decisamente più moderno rispetto ala mia infanzia ma che è cambiato solo nel design.
Quel profumo ineguagliabile che alla sua apertura mi inebria proiettandomi in quelle centinaia di occasioni proposte nella mia fanciullezza.

Io che ho imparato ad amare la liquirizia italiana proprio grazie a loro

Perché mia mamma da grande amante di questo peccato di gola qual’è sempre stata mi aveva convinta a provarle una sola volta con la scusa della copertura al gusto menta e da allora fu amore a prima papilla gustativa.
Quegli stessi confetti che mangiavo allora e che oggi invece si trovano in un mix perfetto di ingredienti e consistenze diverse, senza zucchero con stevia ma del quale sapore è rimasto immutato proprio come i miei ricordi.

Fatico a rievocare quanti confetti posso aver mangiato nella mia vita ma quello che ho ben presente è che ogni pacchetto sapeva di mamma esattamente come oggi.
Un sapore e un profumo che mi riporta indietro e che mi fanno pensare a come, probabilmente fra molti anni, anche i miei figli un giorno vivranno lo stesso con i loro, ricordando momenti speciali grazie ad un profumo o ad un sapore che nella loro infanzia ci ha particolarmente unito.

E spero che un giorno anche loro sentiranno nostalgia di quei momenti perché vorrebbe dire aver lasciato in loro un segno, anche piccolo, di quanto può essere unico allo stesso tempo speciale un istante con una persona che ami e che, a sua volta, ama te.

Buzzoole

©MammaCheVita - Tutti i diritti riservati

You may also like

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.