Home Gravidanza Intervista per “post-partum: mamme mai più depresse”

Intervista per “post-partum: mamme mai più depresse”

by Giada Lopresti
In questo periodo sto ricevendo molte richieste di interviste e questa cosa mi entusiasma molto, mi piace molto parlare di me e delle mie esperienze perché sono sempre nella speranza che possano essere d’aiuto a qualcuno e perché spero sempre che delle volte, aprendomi, io possa sentirmi in qualche modo più libera.
In questi giorni è toccato al blog di Valentina: Post-partum: mamme mai più depresse!. Valentina è infatti una ragazza che dopo la nascita della sua splendida bambina ha affrontato e dovuto superare un periodo molto difficile della sua vita, un periodo più comune di quel che si può pensare, un periodo che attraversano molte mamme subito dopo aver partorito: la depressione post-partum. Personalmente il suo è un blog che io spesso e volentieri leggo anche solo per conoscere  meglio questo problema, e avere le nozioni giuste per poter affrontare in qualche modo una situazione similare. Questo non lo faccio perché il bicchiere non lo vedo mezzo pieno ma perché nella vita ho imparato che purtroppo non si sa mai ed è meglio essere il più possibile preparati su tutto. Il suo infatti non è l’unico blog “diverso” che leggo, ma sono lettrice anche di mamme con problemi di fertilità, o di mantenimento delle gravidanze, ecc… Insomma di questi quegli argomenti che sono il rovescio della medaglia della maternità. Perché non tutte le donne sono fortunate purtroppo e le donne che non lo sono è giusto che abbiano la possibilità di urlare quello che provano e di essere sostenute e aiutate anche da chi ha avuto la fortuna di scampare determinati problemi.
È così che ho quindi accettato ben volentieri la sua intervista. Altre domande, altre risposte, un modo per aprirmi su argomenti non ancora affrontati, su cose di cui non avevo ancora parlato, magari anche di cose che non sono proprio l’emblema della spensieratezza e della felicità. Insomma quest’intervista mi è piaciuta un sacco e parla di me come Giada e come mamma, qui la blogger non esiste e, accettando di rispondere, mi sono parzialmente messa a nudo per dire la mia.
Le domande a cui ho risposto sono state queste:
  • Giada, una domanda di rito: come sono andate le tue gravidanze – visto che la seconda è agli sgoccioli – e con il tuo primo figlio la mamma ideale e la mamma reale sono andate subito d’accordo o hanno fatto fatica a convivere? 
  • Hai frequentato il corso pre parto? Pensi ti sia servito? 
  • Purtroppo questi ultimi giorni della tua seconda gravidanza sono stati segnati da dei problemi famigliari importanti, al punto da dire che stati vivendo una sorta di depressione pre partum. Te la senti di parlarcene? 
  • Qual è il tuo rapporto con la maternità? Ti sei sentita una mamma fin da subito oppure hai dovuto capire la tua nuova identità?  
  • Ti reputavi una mamma informata mentre eri incinta? 
  • Visto che da mamma hai un blog indirizzato soprattutto alle mamme, secondo te come si parla di maternità in Rete? 
  • Secondo te si dicono delle bugie sulla maternità? 
  • Un consiglio che vorresti dare alle future mamme o a quelle che lo sono appena diventate. 
Il titolo della mia intervista è “Giada Mammachevita: “Non esiste un modo giusto per essere mamma”” e spero che le risposte possano essere interessanti ed esaustive per chi ha voglia di conoscere più Giada come persona e come mamma e che vi aiuti a comprendere meglio il mio punto di vista sotto questi termini.
Gravidanza nono mese
©MammaCheVita - Tutti i diritti riservati

You may also like

2 comments

Marina damammaamamma 14 Luglio 2014 - 21:38

Ciao Giada, vado subito a leggere 🙂

Reply
mammapiky 14 Luglio 2014 - 22:13

Anche a me capita di leggere blog dove si parla,del rovescio della medaglia sul tema maternità…molte volte leggo e basta perché ho paura di essere invadente e non gradita, visto che non ho vissuto sulla mia pelle certe esperienze, però come hai detto tu conoscere e’ importante ed e’ il passo più saggio che ci permette di affrontare…detto ciò, corro a. Leggere le tue risposte! ;-)))

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.