Home Shopping Messaggi in codice per il marito: i regali per la festa della mamma che voglio

Messaggi in codice per il marito: i regali per la festa della mamma che voglio

by Giada Lopresti

Si avvicina il giorno della festa della mamma e per l’occasione eccomi di nuovo nel cercare di rispolverare le mie tecniche persuasive per fare capire (o meglio: per dire) a mio marito ciò che mi piacerebbe ricevere visto che, quest’anno, il quattordici marzo sarà pur sempre la mia prima festa della mamma dall’arrivo del piccolo Enea.
Come sempre tengo anche a sottolineare che i regali non sono certamente un obbligo ma è anche vero che il popolo maschile è stato creato in modo da avere sempre (o quasi) il bisogno di essere indirizzato su quelli che possono essere i desideri più reconditi una donna.

Possano essere regali per la festa della mamma (magari su troppotogo.it), per San Valentino, per Natale o semplicemente un piccolo cioccolatino per un occasione qualsiasi ma che per noi donne rimane sempre un appuntamento importante.

Ho detto e ribadito più volte che non sono una persona pretenziosa.

Non mi interessano oro e diamanti, non ho mai dato peso al valore di ciò che mi è stato donato perché ho sempre tenuto di più al pensiero e alla persona che ha voluto dedicarmi quello specifico oggetto che a tutto il resto.
Ho ricevuto cioccolatini, fiori, lettere, bigliettini, regali grandi e piccoli e nonostante tutto il ricordo di ciò che mi faceva provare l’averli tra le mie mani è stato sempre il più importante.

A distanza di molto tempo ricordo tutto ciò che mio marito mi ha donato negli anni.

Ricordo ogni emozione e ogni lacrima di gioia.
Ricordo i gesti, le parole e il suo modo di rendere quell’istante speciale.
Ricordo ogni dettaglio nel suo essere anche indifferente agli occhi degli altri. Ma non ai miei.

E forse è proprio perché negli anni è stato in grado di riempirmi l’animo e il cuore con ogni piccolo o grande gesto fatto nei miei confronti che, in fondo, vorrei che si sfruttassero alcune occasioni per avere un bellissimo ricordo in più.
Momenti unici come quelli quotidiani ma con qualche cosa di, in qualche modo, “speciale”.

Quando poco fa specificavo che il valore non ha importanza, lo dicevo perché in realtà per far felice una persona basta solo un pò di fantasia e/o un pizzico d’ingegno senza dover necessariamente aprire un mutuo per stupire chi abbiamo di fronte.

Esattamente come tutte le occasioni passate la mia miglior soluzione rimane quella di scrivere un post dedicato all’amore della mia vita (ergo il mio consorte) in modo che abbia la giusta ispirazione nel non sbagliare dono spendendo anche meno di quello che potrebbe pensare.

Lui sa che amo gli oggetti bizzarri che possono però risultarmi utili nel tempo o, ancora meglio, che possano servirmi nell’immediato.

Nelle ultime occasioni “pilotate” in cui l’ho perfettamente indirizzato nelle scelte più azzeccate per me, i risultati sono stati stupefacenti. Soprattutto essendo perfettamente al corrente che mio marito è uno di quei papà che legge il mio blog nonostante conosca già perfettamente il finale di ogni articolo.
E lo ammetto: conto su questo per avere la certezza di non rimanere a mani vuote.

Conto sul fatto che mio marito legga questo post e che vada sullo sito dove mesi fa gli acquistai alcuni simpatici gadget che sapevo avrebbe apprezzato, esattamente come in questo momento anche io sarei in grado di apprezzarne qualcuno.
Senza quindi girarci troppo intorno, caro marito ecco la mia breve lista:

  • Fuji Instax Mini 90 Neo
  • Telo da mare donut
  • Macchina fotografica istantanea Lomo
  • Caricabatterie smartphone a forma di chiave d’automobile

Mi rendo anche conto che, forse, un paio di questi oggetti possano sembrarti non indispensabili ma conoscendomi non dovrebbe stupirti quanto io possa essere una fonte inesauribile di risorse trasformando anche ciò che agli occhi comuni viene considerato uno sfizio, in un oggetto di vitale importanza.

Questa per te non dovrebbe essere una novità.

Per questo confido nel fatto che tu non voglia lasciare i nostri bambini a bocca asciutta proprio il giorno della festa della loro meravigliosa, unica, speciale ed ineguagliabile mamma (insieme ad altri innumerevoli complimenti che non sto qui ad elencarti).
So che vorrai osservarli entusiasta nel vedermi aprire il tuo loro regalo, dove se per un solo attimo ti soffermassi a pensare alla scena sai già che sarebbe un peccato pensare ai loro occhioni delusi nel non avermi portato per la mia festa.

Confido anche nel senso di colpa che si sta piano piano annidando nel tuo cuore grazie a questo mio discorso. Un discorso che so ti ammorbidirà facendoti fiondare sul pc per comprarmi una di queste piccole cosine.

Confido nel tuo volermi sorprendere sapendo anche che se nessuno di questi regali scelti ti piacerà, immancabilmente riverserai su altro per poi finire di nuovo su ciò che sai bene sarebbe perfetto per me. Cedendo a quello che davvero mi piace solo perché tu “sei felice quando sono felice anche io”.

Per usare parole tue.

Confido insomma che per l’ennesima volta tu abbia voglia di strapparmi un sorriso lasciandomi un piccolo ricordo di quel giorno e di quello stesso momento.

Non per ultimo però, confido anche nel fatto che sceglierai la Fuji Instax a cui ormai faccio il filo da mesi. Ovviamente senza prendere questo mio consiglio così poco diretto come un obbligo, ma come un mio di essere certa del farti azzeccare il mio regalo per la festa della mamma preferito tra i quattro che ho involontariamente scritto prima.

Quindi, caro marito, ti lascio come sempre libero di fare come meglio credi ricordandoti anche che questi sono i momenti che cambiano la vita delle persone.
E se non mi credi prova a presentarti a mani vuote. Sarò “lieta” di cambiare personalmente anche la tua.

 

©MammaCheVita - Tutti i diritti riservati

You may also like

2 comments

Sara 26 Maggio 2017 - 20:47

Per quest’anno la festa della mamma è già passata, ma ogni momento è buono per un bel regalo al proprio amore no?! Aggiungo alla tua lista ad esempio, cosa che effettivamente un pò mi manca, una bella aspirapolvere tecnologica.
Un bacione Giada, da Sara!

Reply
Giada Lopresti 6 Giugno 2017 - 1:37

L’aspirapolvere tecnologico è una salvezza! Noi abbiamo il Roomba e io non lo cambierei nemmeno sotto tortura 😉

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.