Home Shopping Regali di San Valentino per lui
Regali di San Valentino per lui anteprima

Regali di San Valentino per lui

by Giada Lopresti

Ogni qual volta si stia avvicinando un occasione speciale che coinvolge il dover pensare a qualcosa da regalare a mio marito lo ammetto, un brivido mi percorre la schiena.
E non perché io non sappia cosa comprare (bugia! È anche per quello), ma perché la mia paura perenne è quella di discutere solo per il fatto di aver deciso di comprare un regalo. Soprattutto se parliamo di regali di San Valentino per lui.

Mio marito infatti è uno di quelle persone che non ha mai bisogno di nulla (dice lui) e che le cose si comprano solo se strettamente necessarie e, possibilmente, impellenti. Insomma è l’anti shopping per antonomasia.
Uno di quei mariti che, sotto questo profilo, non poteva trovare una moglie più  lontana da lui.

Io, come milioni di donne i tutto il mondo, amo lo shopping. E anche se da qualche anno a questa parte il mio obiettivo primario è pensare esclusivamente principalmente agli acquisti che riguardano i nostri bimbi, amo anche concedermi qualche piccola spesa che includa degli sfizi per noi.
Certo… non vado in via Della Spiga o in Montenapoleone, ma adoro stupire mio marito anche con piccoli gesti soprattutto quando rispecchiano i suoi interessi.

E come in tutto quello che riguarda gli uomini e in particolare modo, nel mio caso, mio marito riesco sempre a trovare un cavillo che mi impedisca scenate allucinanti che si concludono perennemente con la frase “ti avevo detto di non comprare nulla!”.

Proprio tempo fa infatti avevo trovato dei regali adatti a lui sul sito di Troppotogo.

Regali per tutte le fasce di presso e che, a dire il vero, erano piaciuti a tutti sia per la loro utilità e sia per essere divertenti ed  auto ironici.
Avuto quindi un consenso unanime nel quale non ero stata gambizzata ne per il fatto di aver fatto degli acquisti ne perché quegli acquisti erano stati scelti per lui, ho creduto che probabilmente riproporgli un alternativa dallo stesso sito sarebbe stata un ottima idea per salvarmi ulteriormente in calcio d’angolo.

Dalla mia però questa volta ho anche il fatto di aver “sfruttato” mio figlio per essermi fatta aiutare nella scelta del regalo finale.
Una scusa che oltre ad essere sempre utile per non litigare con il marito ha anche preso il posto del “è stato lui!” di quando si andava a scuola.

Ecco perché so che anche questa volta non sarà facile unire l’utile al dilettevole, ma aver inquadrato alcune idee papabili certamente mi salverà dal non essere la precipitosa spendacciona che sono sempre. E poi, ho sempre la scusa del “ai bambini piaceva tanto”.
Sono una mamma che se ne approfitta? Non lo so. Di certo però sono una moglie che ha voglia di rendere speciale un momento solo per ricordarlo con il sorriso.

Anche solo per un brindisi insieme.

©MammaCheVita - Tutti i diritti riservati

You may also like

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.