Home Life Una mamma per amica

Una mamma per amica

by Giada Lopresti

La maternità è uno di quei periodi che ti stravolge la vita.
La famiglia si allarga, le abitudini cambiano e, nello stesso periodo, ti rendi conto di tante altre cose.
Ti accorgi di chi siano le persone che realmente contano, di quelle che ti vogliono bene in modo sincero e di chi, nonostante tutto immancabilmente muti, ha davvero voglia di starti vicino.

Diventare mamma infatti porta ad una rottura della routine come quando si gira la pagina di un libro, trovandone subito dopo un’altra che è l’inizio di un nuovo capitolo.

Anzi a dire il vero intraprendere la strada della maternità è come quando si inizia a leggere un libro completamente nuovo.

Una nuova vita, delle nuove abitudini e anche delle nuove amicizie. Perché quelle “vecchie”, se non hanno figli, inevitabilmente finiscono quasi tutte.
Non è pessimismo. Non è come vedere il bicchiere mezzo vuoto.
È pura e semplice verità.

Durante la gravidanza, quando la vita si prepara ad un cambiamento così rapido anche se nove mesi sembrano lunghissimi, saranno tutti pronti a farti gli auguri, ad abbracciarti, ad informarsi e ad accarezzare la pancia.
Si diventa il centro del mondo delle persone care. Un mondo fatto di attenzioni, coccole e affetto che dopo la nascita del bambino, piano piano svanisce.

Cambieranno gli impegni e le necessità.
Cambieranno i ritmi e le occasioni.
Cambierà il tempo libero per se e per gli altri.
E tutto quello che una volta era normale fare, diventerà un punto di domanda perché una donna che diventa mamma non potrà più fare tutto ciò che faceva prima. O almeno non da subito dopo il parto.

Si passerà dagli abbracci alle telefonate, dalle chat assidue ai messaggi sporadici fino a perdersi definitivamente.
Solo un’altra mamma potrà capire ciò che provi.
Solo un’altra mamma potrà darti il sostegno che cerchi.
Solo un’altra mamma potrà comprendere a fondo quanto al tua vita sia cambiata.

Ho visto amicizie infrangersi negli anni proprio perché non così profonde come credevo fossero.
Ho perso persone a cui volevo bene solo perché appartenenti a vite ormai parallele alla mia capendo chi nella mia vita contava davvero.

Nel mio percorso di madre ho incontrato e superato ostacoli esattamente come ho perso e allo stesso tempo conosciuto persone che hanno lasciato un segno. Un segno importante e un’amicizia profonda.

Diventare mamma mi ha cambiato la vita e ha cambiato le mie amicizie.

È stato un momento di svolta che mi ha aperto gli occhi su chi davvero conta nella mia vita e su cosa serve per essere felici.

Bisogna circondarsi di persone che ti capiscano.
Persone che comprendano le tue esigenze e i tuoi impegni. 
Persone che non si allontanano per una telefonata dimenticata o un messaggio a cui non si è risposto. Perché soprattutto quando si è mamma il tempo è davvero tiranno.
Tiranno nel gestire le giornate tra impegni, figli casa e lavoro. Soprattutto se casa e lavoro combaciano ventiquattro ore su ventiquattro.

Negli ultimi quattro anni ho centellinato le mie conoscenze facendo mie solo le emozioni più vere e profonde e proprio alcuni di questi momenti mi hanno regalato delle nuove, profonde e stupende amicizie.

Alcune sono state solo conoscenze passeggere ma altrettante hanno lasciato e lasciano tutt’ora un bellissimo segno nella mia vita.
Persone conosciute per caso e che nei mesi tra un sorriso e un messaggio hanno iniziato a far parte del mio quotidiano dove reciprocamente abbiamo iniziato a condividere il nostro essere mamme e donne. E tra le tante bellissime persone che questa maternità ha fatto entrare nella mia vita c’è n’è una con cui c’è stato feeling fin da subito. 

Una simpatia al primo sguardo, lo stesso primo sguardo che la identifica: Serena.

Ci siamo conosciute tre anni fa per lavoro e quel giorno è stato l’inizio di una nuova bellissima amicizia.

Ho seguito la sua storia.
Ho vissuto la sua seconda gravidanza come se fosse mia.
Ho conosciuto le sue figlie e suo marito e ho atteso con ansia il giorno del suo matrimonio.
Ho sperato di incontrarla ogni volta che è stato possibile e di ogni occasione in cui è successo conservo solo piacevoli ricordi.

Ecco perché dopo più di un anno di messaggi giornalieri, vocali chilometrici (i miei) e felicità condivise, è finalmente giunta l’ora di trascorrere più tempo insieme.
Più tempo insieme per noi due esattamente come più tempo lo avranno sia i nostri mariti che i nostri figli. Soprattutto visto che dalla nostra amicizia sono nate anche le loro.

È raro infatti per me vedere mio marito a suo agio con persone che non conosce ma con loro riesce a sentirsi se stesso.

Una vacanza per tutti e nove come una grande famiglia.

Una vacanza di quelle che so già porterò nel cuore per sempre. In uno di quei posti che quando devi partire il magone si impossessa del tuo stomaco e delle tue lacrime.
Tra una sola settimana le nostre due famiglie si incontreranno ancora una volta per stare insieme sette giorni al Villaggio Centro Vacanze De Angelis a Marcelli di Numana.

Un posto dove tra mare e piscina potrò stare insieme a Serena recuperando il tempo che con noi negli anni è stato tiranno.

Non vedo l’ora di riabbracciarla esattamente come non vedo l’ora di rivedere gli occhi di Cesare non appena si ritroverà davanti a Lavinia.
Ho voglia di vedere i nostri bambini sorridere insieme e ho voglia di ridere osservando i nostri mariti che si spalleggiano come amici di vecchia data.

Visiteremo un posto per noi nuovo in buona compagnia con tutto quello che lo stesso villaggio avrà da mostrarci per rendere ancora più indimenticabile questa vacanza. Nel primo posto di mare che non sia la nostra casa.

Partiremo tra soli sette giorni ma io non vedo l’ora che volino via per ritornate un pò ragazzina ricordando cosa si prova nel condividere una bella esperienza in compagnia di un’amica.
Un’amica con la quale, dopo tanti anni dall’ultima volta, potrò dire di aver condiviso tutto.

©MammaCheVita - Tutti i diritti riservati

You may also like

4 comments

Serena 23 Giugno 2017 - 14:47

Vabbé oh ma se volevi farmi piangere… ci sei riuscita! ❤️

Reply
Giada Lopresti 24 Giugno 2017 - 1:46

Ti voglio bene :*

Reply
Chiamatela sfiga (perché jella non renderebbe l'idea) | MammaCheVita 10 Luglio 2017 - 21:07

[…] appena ritornata da una vacanza nelle Marche. Una vacanza super che attendevo da mesi sia per la compagnia che mi avrebbe atteso e sia per poter finalmente visitare un posto che ero curiosa di scoprire. Una […]

Reply
Centro Vacanze De Angelis, il villaggio per le famiglie | MammaCheVita 25 Luglio 2017 - 21:12

[…] cui in questi stessi anni ho visto foto emozionanti e bellissime. Un villaggio dove a destinazione avrei ritrovato delle amiche con cui vivere tutto questo. Una vacanza con le amiche come non facevo dai tempi della scuola solo […]

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.