Home LifeBe a mom Settimana 6: in due è peggio

Settimana 6: in due è peggio

by Giada Lopresti
Se vi state chiedendo se mi sia stata data un pò di tregua per quanto riguarda le veglie notturne, la risposta è no (purtroppo). Anzi… delle sere è andata addirittura peggio di quanto potessi mai immaginare. Oltre al co-sleeping continuo, al mangiare tutta la notte, alle supposte di camomilla, alle gocce di Pediacolin e Colinox abbiamo aggiunto la tisana al finocchio che bisogna ammettere che probabilmente è la cosa che lo tranquillizza di più visto che lo aiuta molto a digerire.
Nonostante questo, va tutto a giornate come sempre e come è ovvio. L’unico problema è che nella settimana appena trascorsa io non ho proprio dormito la maggior parte delle volte dopo l’intrusione di Cesare nel lettone in quanto, nonostante in due debbano occupare lo spazio di mezza piazza singola e nemmeno, ogni sacrosanta volta venivo spiaccicata tipo sardina tra i due, o meglio… Cesare si spaparnzava bello comodo nelle sue posizioni da contorsionista premendomi contro Vincenzo e così per non disturbare uno e schiacciare l’altro mi sono toccate molte mattine con mal di collo e mal di schiena.
Nonostante tutto questo sia praticamente appena iniziato, ogni giorno mi chiedo quando finirà e non vedendo la luce in fondo al tunnel ogni tanto mi prende lo sconforto, perché credo che il giorno del mio trentesimo compleanno (aiuto!!) avrò più acciacchi di una donna che di anni ne deve fare 80!
La mia più grande soddisfazione è che, nonostante tutto, mi rende felice vedere quanto i miei due piccolini crescano, soprattutto Vincy e quando amore e attenzione Cesare cerca di dargli anche se con il tatto di un elefante. Se le notti fossero diverse sarebbe quasi tutto perfetto.
Ogni settimana vivo nella speranza che la successiva sia migliore e fino ad oggi così non è stato. Credete che se spero il contrario le cose possano migliorare? Nella vita non si sa mai ma è sempre meglio non rischiare.
©MammaCheVita - Tutti i diritti riservati

You may also like

6 comments

Elisabetta Brustio 3 Settembre 2014 - 15:12

Ecco perchè non mi arrischio a fare il secondo… il timore di finire esaurita è dietro l’angolo!
Di sicuro un bello sfogo sul blog non basta, ma aiuta… tieni duro Giada, le prime settimane sono le più dure, anche il piccolo Vincy deve “prendere il suo giro”… ma non perdere MAI la speranza!!!! Quando i bambini non dormono la notte, dicono di provare a riposare quando lo fanno anche loro (di giorno… e se lo fanno), per recuperare un po’ di ore di sonno perso… prova così!Un abbraccio!!!

Reply
Giada Lopresti 8 Settembre 2014 - 17:29

Si effettivamente le sto tentando tutte e ogni tanto riesco a trovare un pò di sollievo…le cose cambieranno prima o poi…basta attendere, anche se spero sempre non troppo XD :***

Reply
momfrancesca 3 Settembre 2014 - 17:06

Cara Giada, sembra retorico dirlo ma, è la verità. Le cose andranno meglio, devi solo avere tanta pazienza. D’altronde avere un figlio piccolo è impegnativo, avere due figli è super impegnativo. A mio avviso ancora qualche settimana, poi andrà meglio. Piccolo trucco: cerca di farlo dormire meno di giorno, quei minuti li dormirà la notte. Ma ora, davvero, è troppo piccolo. Dovrebbe consolarti che sei in buona compagnia: tutte le neomamme hanno i tuoi ritmi, di “nonsonno”. Quelle che dicono che il loro piccolo dorme tutta la notte da quando è nato, be, secondo me mentono. Il mio ha cominciato a due mesi e mezzo, la prima verso i tre mesi e mezzo.
Coraggio!!

Reply
Giada Lopresti 8 Settembre 2014 - 17:30

Sono sicura che piano piano tutto andrà sistemandosi, ma ammetto che delle volte la pazienza purtroppo manca…ce la farò!
:***

Reply
mammapiky 3 Settembre 2014 - 23:05

Migliora te lo assicuro…fidati. Con entrambi i miei figli ho avuto lo stesso problema, ma il tempo e’ l’unica soluzione. Sapere che passa ti aiuterà!

Reply
Giada Lopresti 8 Settembre 2014 - 17:31

Effettivamente delle volte è l’unica ancora di salvezza!
:***

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.