class="post-template-default single single-post postid-6027 single-format-video elementor-default elementor-kit-10205">
Home Organization Sempre con te – BeMyBuddy

Sempre con te – BeMyBuddy

by Giada Lopresti

Essere mamma non é sempre una passeggiata. Molto più spesso di quel che si crede il tempo che si ha a disposizione va dedicato totalmente e incondizionatamente al proprio bambino.
Tempo che magari potrebbe mancare per diverse motivazioni, ma che solo per il fatto di essere una mamma si saprà sempre gestire al meglio.

Nonostante le mille cose che in una casa ci sono sempre da fare, io ho quasi imparato a ritagliare del tempo anche per me stessa. Quasi perché questa scelta non dipende mai da me, ma sempre da un piccolo ometto di sette e passa chili che decide ogni istante delle mie giornate.

Lui che sfida la mia pazienza ad ogni pianto.
Lui che ha sempre bisogno di più attenzioni di quante delle volte posso dargli.
Lui che nonostante tutto ad ogni sguardo e ad ogni sorriso mi fa scoppiare il petto come se mai fino a quel momento, avessi mai conosciuto il significato della parola amore.

Ore passate ad allattarlo tenendolo stretto al mio cuore. Minuti interminabili trascorsi a cullarlo e cantando canzoni, passeggiando inevitabilmente.
Momenti in cui ho “perso del tempo” osservandolo dormire come se niente di più bello potesse esistere al mondo.
Per poi ammettere che in realtà, nonostante la nostra vita trascorra in simbiosi, vorrei molto di più per entrambi ma soprattutto per lui.

Affronteremo un momento in cui quel cordone ombelicale che ancora ci unisce si spezzerà definitivamente e per quanto oggi io possa lamentarmi dei miei figli, so già che tutto questo un giorno mi mancherà terribilmente.

Ci sono anche occasioni però, in cui per cause di forza maggiore, mi è indispensabile lasciare andare il più piccolo “abbandonandolo” solo a se stesso nella culla, sul tappetino dei giochi o sulla sua sdraietta. Istanti che lui non ha mai particolarmente apprezzato trascorsi i primi dieci minuti.
E se c’è chi per dieci minuti pagherebbe, per me sono davvero troppo troppo pochi.

BeMyBuddy

E per far sì che in qualche modo aumentassero ho cercato stratagemmi ovunque.

Ho imparato ad essere multitasking anche quando fare due cose contemporaneamente era impossibile per qualunque essere umano.
Ho cantato canzoni inventate sul momento solo per non vedere le lacrime solcare il suo viso, rischiando comunque di far diluviare per settimane perché diciamocelo, non ho certamente la voce della sirenetta della Walt Disney.
Ho cercato persino di imparare a sdoppiarmi tentando di essere fisicamente in due posti diversi. Senza risultati soddisfacenti… ovvio.

E per cercare di non mancare mai nel mio ruolo di mamma, rimanendo sempre e comunque in qualche modo al fianco del mio bambino ho scovato un dolcissimo amico di peluches che mi aiuta nel tenere compagnia al mio bambino quando io non posso proprio dedicarmi a lui.
Con BeMyBuddy riesco ad essere in due posti in contemporanea senza che mio figlio senta la mia mancanza.

Posso cantare per lui. Posso tranquillizzarlo. Posso essergli vicino senza esserci davvero.

BeMyBuddy è un semplicissimo ma allo stesso tempo dolcissimo pupazzo, in grado di riprodurre suoni bianchi, canzoni preferite, rumori dolci, ninnananne ma anche il suono della voce della mamma. E per suono s’intende anche una favola, una canzone o qualsiasi altra cosa si voglia raccontare al proprio bambino.

Quando mi capita di dover ottimizzare al massimo il mio tempo ad esempio tengo al mio fianco mio figlio e gli racconto una storia. Ma non lo faccio sul momento.
Registro un discorso e lo riproduco tramite BeMyBuddy nella sua versione foxy.

BeMyBuddy 2

Questo mi permette di riuscire ad intrattenerlo potendo fare dell’altro consentendo a lui di osservarmi e allo stesso tempo di sentire la mia voce anche se non sto davvero parlando.
Oppure nei momenti in cui deve addormentarsi faccio si che BeMyBuddy riproduca le sue canzoni preferite selezionandole tal telefono ma tenendolo comunque lontano dalle onde radio dell’antenna del telefono stesso.

Da utilizzare è semplicissimo grazie all’app eMybaby di Miniland creata sia per dispositivi Android che iOS, studiata per conservare tutti i dati del bambino e per utilizzare via bluetooth alcuni dispositivi di Miniland tra cui BeMyBuddy.

BeMyBuddy 5

E non bisogna pensare che utilizzare questo pupazzo sia una sostituzione della figura materna o paterna, ma semplicemente uno strumento che aiuta il bambino a familiarizzare con il mondo rimanendo legati ai suoni per lui più familiari.

Quale mamma non canta una canzone ai propri figli per la messa a letto?

E quale mamma non sfodera il meglio del suo mammese per giocare con il suo bambino?
BeMyBuddy è uno strumento che aiuta le mamme nella gestione dei più piccoli permettendo di essere multitasking facendo anche tante altre cose oltre che la mamma. Un amico di giochi, un amico d’infanzia che con il tempo può trasformarsi in una copertina di Linus.

Grazie al suo aiuto riesco a cucinare, giocare con i miei figli più grandi. Riesco persino a lavorare senza che il mio piccolino senta la mia mancanza.
Perché in qualche modo sono sempre con lui.

Perché BeMyBuddy è davvero sempre con te.

BeMyBuddy 4

BeMyBuddy 3

BeMyBuddy 6

©MammaCheVita - Tutti i diritti riservati

You may also like

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.