class="post-template-default single single-post postid-4700 single-format-standard elementor-default">
Home Organization La scelta del passeggino gemellare
Anterpima scelta del passeggino gemellare

La scelta del passeggino gemellare

by Giada Lopresti

L’organizzazione di una futura bis mamma non è così intuitiva come qualcuno può pensare.
Essersi allenata con il fratello o sorella maggiore non fa di lei una mamma navigata sulla gestione in contemporanea di due bambini e nonostante ci possano essere mamme più o meno portate a questo avvenimento, ci sono comunque molti fattori da prendere in considerazione.
Se il figlio maggiore non è poi così maggiore, ci sono da rivalutare un sacco di acquisti che possono rivelarsi più o meno necessari alla sopravvivenza quotidiana di un genitore.
Si potrebbe dover valutare l’acquisto di un secondo seggiolone pappa, di un altro lettino, di un nuovo seggiolino auto, di un ulteriore passeggino. Tutto questo perché nonostante siano di età diverse, sono comunque così vicini da rischiare di “rubarsi a vicenda” le proprietà nel giro di qualche mese.
Cercare di ammortizzare le spese però non è poi così facile perché ci si trova all’improvviso quasi come i genitori di gemelli: tutto in versione doppia per la metà dello spazio.
Questo significa anche che quello che “hai risparmiato” con la prima gravidanza, ti si presenta inevitabilmente con la seconda e io ci sono passata e so bene cosa vuol dire.

Quando ho scoperto di essere in dolce attesa di BigV non solo Cesare aveva appena compiuto un anno, ma ho deciso di complicarmi ulteriormente la vita scegliendo consapevolmente di non voler conoscere il sesso del nascituro. In un mondo infatti dove la tecnologia moderna ti permette di arrivare al parto decisamente preparata con una prevalenza di rosa o azzurro, io ho invece deciso di andare incontro all’ignoto.
Una scelta bellissima, ma che ha comunque messo in parecchia difficoltà i miei acquisti. Iniziando dai vestiti infatti la ricerca del neutro è partita prestissimo, all’incirca intorno alla fine del primo trimestre. E tra le difficoltà del trovare i capi di stagione (che ovviamente mi impedivano di riciclare quelli della prima gravidanza essendo i due fratelli nati in periodi totalmente diversi) sono emerse anche le problematiche dei vari accessori da scegliere per il post parto.
Uno dei più grandi dilemmi fu proprio il passeggino.

Alla nascita di Vincy Cesare aveva da poco un anno e mezzo ed era un bimbo passeggino dipendente. Doverlo far crescere facendoli capire che avrebbe dovuto cedere il trono al fratello minore non è stato affatto semplice, ma diciamo che anche giocare d’astuzia è stato fondamentale.
Insieme a mio marito avevamo girato per molti negozi di puericultura alla ricerca di un passeggino doppio da poter sfruttare con entrambi e la maggior parte di quelli che avevamo visto consentivano l’utilizzo di una navetta o un ovetto in concomitanza ad una seduta normale solo con una proposta di struttura a treno. Mica facile quando hai una macchina utilitaria e un microbagagliaio a disposizione!
Girammo davvero decine di negozi, senza mai trovare nulla che facesse al caso nostro (purtroppo). Un pò perché troppo grandi, un pò perché il modello non era di nostro gusto e un pò perché molti decisamente costosi.
Parecchi genitori infatti non immaginano davvero quanto può essere dispendioso acquistare un passeggino gemellare e nel momento in cui scopri di averne necessità rimani, come dire, spiazzato! Soprattutto se nemmeno due anni prima hai comprato quasi esattamente le stesse cose per il primo figlio.

Nell’indecisione abbiamo optato per l’aggiunta momentanea di una pedana al nostro passeggino del cuore. Al bigbro era stato spiegato che siccome era diventato un fratello maggiore adesso poteva viaggiare a bordo del passeggino guidandolo lui, e devo ammettere che la cosa lo aveva entusiasmato parecchio!
Trascorsa quindi l’estate dove la macchina tendenzialmente viene usata poco e nulla, e trascorso l’inverno dove le nostre passeggiate arrivano ad un numero molto vicino allo zero, nell’anno successivo si è riproposto lo stesso problema. Era inutile girarci troppo intorno: a noi serviva un passeggino gemellare e non avremmo potuto evitare di comprare uno.
Per poter andare al mare da sola con entrambi i bambini, necessitava un trasporto su quattro ruote che avesse due sedute in contemporanea, che fosse pratico, che fosse leggero e facilmente maneggiabile in un paese come il nostro abbastanza a corto di marciapiedi. E parlo di sedute perché finalmente per uscire non avevamo più bisogno di un ovetto o di una navetta per il più piccolo.
Abbiamo così potuto optare per un gemellare “leggero” dal minimo ingombro ma dall’enorme aiuto per me o per chi uscisse solo con entrambi i bambini.

Brevi marathon twin scelta del passeggino gemellare

Questa volta però, per aiutarmi nella scelta e nella scoperta dei prezzi, non ho girato tutti i negozi di puericultura esistenti. Mi sono semplicemente affidata al sito che aiuta tutti i genitori e neo genitori nella complicata scelta all’acquisto di un passeggino: Cercapasseggini.it
Nella pagina dedicata espressamente ai modelli a confronto e al trova prezzi e offerte sono riuscita in pochi click a trovare il modello più adatto alle nostre esigenze, contando anche il fatto che avendone già una bella collezione, doveva essere un quattro ruote il più accessoriato possibile ma che allo stesso tempo diventasse invisibile per poterlo infilare nei striminziti spazi di casa ancora disponibili.
Siamo riusciti a trovare il modello che faceva perfettamente al caso nostro grazie a Brevi e al suo Marathon Twin, perfetto soprattutto perché, come tutti i passeggini che entrano a casa nostra, devono essere a prova di tutti: mamma, papà e nonni! E con il tempo si è confermato un ottima scelta.

In attesa di Cenza però riparto da zero per la ricerca di un gemellare con possibilità di trasporto neonato visto che il terzogenito arriverà ad estate già terminata e il più piccolo dei bigbro non è così accondiscendente come lo è stato fratellone a suo tempo (la fortuna!) .
Ma se di buono c’è una cosa è che sicuramente non sposterò il mio corpo dal divano per la ricerca del passeggino gemellare perfetto e per conoscere i prezzi più competitivi, perché si già che Cercapasseggini.it farà tutto il lavoro duro per me. A noi rimarrà solo la parte dolente: pagare!

Brevi passeggino gemellare

Marathon Twin passeggino gemellare

Scelta del passeggino gemellare

©MammaCheVita - Tutti i diritti riservati

You may also like

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.