Home Organization Io sono Maui!

Io sono Maui!

by Giada Lopresti

Sono trascorse più o meno due settimane dalla festa di compleanno di Vincy eppure, ad oggi, i segni di quel giorno sono ancora vividi in casa nostra.
Me lo ricorda soprattutto la porta di casa quando, ogni volta che entro o esco, osservo sorridendo le decine di adesivi ritagliati in fretta e furia e incollati a casaccio mentre attendevamo i primi invitati.

Come ogni anno l’organizzazione della festa di compleanno è avvenuta un mese prima e, come ogni anno, sono stata capace di ridurmi all’ultimo minuto per far si che tutto fosse perfetto o quasi.

Il tema della festa non è stato di difficile scelta: Oceania.

L’ultimo film d’animazione della Disney è infatti diventato un must have di casa nostra negli ultimi mesi. Una specie di tormentone tanto da imparare a memoria ogni singola battuta, consumare il DVD visto ininterrottamente dal risveglio alla messa a letto e il conseguente acquisto di tutta la colonna sonora su ogni dispositivo capace di riprodurre della musica all’interno delle quattro mura di casa.

Uno di quei film che già dopo il primo giorno, i genitori sognano anche la notte.

È difficile non appassionarsi ai classici Disney. E lo dice una che all’alba dei trentadue anni suonati e prossima all’età della morte di Cristo, non perde occasione per continuare la sua interminabile collezione di DVD di cui ormai molti sono in duplice o triplice copia.
Una vera fissazione tramandata con orgoglio alla mia prole.

Ma dopo Frozen, tema scelto quasi tre anni fa per Cesare, anche Oceania mi ha dato un gran bel da fare per cercare di non allestire gli addobbi con fiorellini, tinte rosate e principesse ovunque.
Non che ci fosse nulla di male sia chiaro, ma ogni volta è decisamente avvilente scoprire che per quanto appassionanti siano questi cartoni animati, nella maggior parte dei casi i prodotti a tema proposti siano pensati prevalentemente per le bimbe.

Con un co-protagonista come Maui infatti, come si può non pensare che anche i maschietti vorrebbero poter interpretare il proprio eroe senza pizzi e merletti?
Un macho di duecento chili completamente tatuato, dalla forza e dalla simpatia disarmante e che sa conquistare il cuore dei bimbi deve avere uno spazio tutto suo.

Imparata la lezione negli anni, non ho avuto molti dubbi sulla gestione degli addobbi. Li avrei cercati su Etsy sicura che avrei trovato qualche spunto creativo adattabile alla mia interpretazione di festa a tema per il mio piccolo ometto dagli occhi blu.

Moana Party Kit: ecco le tre parole utilizzate per la mia ricerca su Etsy.

Moana” perché è il titolo originale del film e “party kit” perché la ricerca di prodotti con parole chiave in inglese porta ad avere molti più risultati e, in automatico, molta più scelta.

Nella maggior parte dei casi infatti, i kit proposti dai venditori sono personalizzabili al cento per cento. Motivo per cui ne ho scelto uno con dei meravigliosi colori estivi – azzurro e arancione – e che sfruttasse quindi uno stile molto più neutro rispetto ad un classico rosa o pesca (colori molto più frequenti nei comuni addobbi di questo tema).

Ho richiesto a Daniele (il proprietario del negozio all’interno di Etsy) di modificare alcuni testi, gli inviti, e piccoli dettagli che per me era necessario fossero perfetti e a mio gusto.
Nel giro di qualche ora avevo già pronti i file da stampare in tipografia. Il bello degli acquisti dei party kit su Etsy è che con una spesa davvero minima (in questo caso ho pagato sedici euro) hai la possibilità di poter creare gli addobbi esattamente per come li vorresti senza spendere delle cifre astronomiche per oggetti personalizzati quali piatti, bicchieri, tovaglie, ecc.
Personalizzando il party kit si può così abbinare delle banalissime stoviglie in plastica anche a tinta unita per rendere più omogenei gli addobbi.

Dopo i primi due compleanni dove le spese per l’organizzazione superavano quasi quelle di un matrimonio, mi sono semplicemente adattata al dover spendere il meno possibile ottenendo comunque il massimo risultato.
È però vero che la parte più noiosa di tutto questo è il dover ritagliare e assemblare tutte le varie decorazioni (festone, porta popcorn, bandierine per i panini, ecc), ma la soddisfazione del risultato finale è sempre qualcosa di indescrivibile soprattutto dopo che a tuo figlio brillano gli occhi per la felicità.

E dopo aver pensato ai dettagli per gli addobbi come non potevo non pensare anche a quelli che fanno la differenza?

Grazie a MamaPerò, una ragazza scoperta per caso su Instagram che crea magliette dipinte a mano personalizzate, ho fatto si che sia il festeggiato che i fratelli avessero una maglietta a testa sempre abbinata al tema della festa (colori compresi). Magliette per il quale i bambini sono esplosi dalla gioia non appena viste.

E il regalo. Il regalo di mamma e papà è stato il pezzo forte della giornata.

Dopo ricerche fallite e siti cinesi con spedizione a novanta giorni, come sempre Amazon mi ha letteralmente salvato all’ultimo minuto. Perché non sarebbe potuta essere una festa a tema Oceania senza avere il vero amo di Maui con tanto di luci e suoni.
Un amo che non è costato poco (ben-trentatré-euro-stica) ma, lo devo ammettere, ben fatto davvero. Soldi ben spesi dopo aver visto la faccia di Vincy che ha prontamente snobbato subito gli altri super regali ricevuti.

Tutto sommato quindi, tranne qualche piccolo intoppo che puntualmente ogni anno si presenta durante la festa, il risultato è stato davvero eccezionale.
Il giardino era meraviglioso, la torta buonissima, i regali bellissimi e la felicità dei bambini palpabile.
Un risultato perfetto dettato soprattutto dall’odioso (e ovvissimo) litigio di fine giornata tra Cesare e e BigV per decretare di chi fosse l’amo di Maui. Lo stesso amo che ha bussato nella sua versione gemella solo qualche giorno dopo per evitare che si scannassero giornalmente solo per giocarci.

In buona sostanza, se ben studiate, le feste a tema non costano uno sproposito.

Soprattutto se si riesce a provvedere con qualche manicaretto home made sempre ben gradito da grandi e piccini.

L’unico neo delle feste che siano o meno a tema, è che se si ha più di figlio bisogna sapersi organizzare per tempo nel non deludere nessuno (leggi amo di Maui tra le righe). Anche se l’aver risparmiato sull’allestimento ha permesso comunque di soddisfare tutti anche nelle piccole spese extra (arileggi amo di Maui) permettendo così non solo alla festa di essere perfetta, ma di vivre in serenità anche nei giorni successivi.
Una serenità spesso tramutata in due piccoli ometti che, correndo per casa amo alla mano, urlano perennemente: “Io sono Maui!“.

Tutto nell’attesa del prossimo compleanno, il primo per Enea, per il quale mi sono mobilitata da circa dieci giorni nonostante manchi ancora un mese certa che sarà un’altro splendido giorno.

Ecco dove trovare tutti i prodotti per una festa a tema Oceania perfetta:
party kit
amo di Maui

magliette personalizzate dipinte a mano

 

©MammaCheVita - Tutti i diritti riservati

You may also like

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.