Home Life Mamma Muu Muu

Mamma Muu Muu

by Giada Lopresti

Ho sempre avuto la tendenza a viziare i miei figli. E per viziare non intendo non saper dire di no ad ogni loro richiesta ma semplicemente cedere ad alcune piccole gioie che nella vita possono essere in grado di cambiare un momento della tua giornata in meglio.

“Mamma mi compri quei biscotti?” “Mamma possiamo andare a mangiare li?” “Mamma posso fare questa cosa?” Piccole concessioni che sono consapevole non cambieranno la loro vita ma che sicuramente la renderanno più piacevole con alcuni gesti extra.

E così é sempre stato per tutto nei limiti della concessione calcolata con molta moderazione.

Soprattutto adesso essendo i miei figli arrivati a quota tre, non potremmo mai permetterci di dire di sì ad ogni cosa, ma anche grazie a come si sono abituati nel tempo non sono mai stati fino ad oggi bambini pretenziosi.
Ed é proprio questo che delle volte ti fa comprendere quanto essere genitore sia più difficile di quanto lo si potesse immaginare prima di diventarlo.

I vizi diventano però più complicati da tenere sotto controllo quando la gestione dei figli non é più un piacere dei soli genitori. Capita infatti che i bambini dopo essere andati all’asilo vadano dai nonni, dagli zii, da qualche compagnetto di scuola dove, inevitabilmente, non si ha la possibilità di tenerli sotto controllo.
Ed é così che capita di scoprire casualmente che ha mangiato fuori pasto, si é ingozzato di alimenti poco salutari e che ha scoperto cose che mai avresti voluto scoprisse proprio adesso.

Nel nostro caso ad esempio BigV é stato praticamente cresciuto dai miei genitori. Cresciuto benissimo sotto il profilo alimentare e forse un pò meno sotto il profilo dell’imparare ad accettare un no come risposta.

Mai dire di no a BigV.

Ha imparato con il tempo non solo a mangiare tutto ma anche ad apprezzare ogni sapore e ogni consistenza. É diventato un divoratore di pasta, polpette, carne rossa e bianca, pesce, verdure, ECC… niente per lui é “non mi piace”.
E contando il fatto che il fratello maggiore é un inappetente nato, le soddisfazioni almeno con lui riusciamo ad averle costantemente.

I nonni però non solo sono stati molto attenti e pazienti sulla sua alimentazione variandola giornalmente e cucinando per lui come se fosse il principe di casa, ma gli hanno anche insegnato che per ogni azione esiste una reazione che può sposare perfettamente un premio ben meritato.

Ecco perché dopo un primo, un secondo con un pò di contorno e la frutta il pasto dei miei bambini si conclude sempre con un dolcissimo budino.

Un vizio? Può essere.

Ma un dolcissimo vizio che non solo é apprezzato dai più piccoli ma anche dalla sottoscritta.

Ormai é diventato un gesto quotidiano di routine familiare.

Tutti a tavola per il pranzo o per la cena e poi, quando sentono quella sensazione di sazietà che ti fa alzare dalla sedia con soddisfazione, puntuali come un orologio svizzero entrambi in coro dicono “Mamma Muu Muu. Frase che segna il momento più dolce di tutto il pasto con una sincronia a dir poco perfetta.
E poi adoro quando arriva quell’istante perché regolarmente iniziamo a canticchiare la canzoncina della mucca con le macchie facendo suonare le posate su tavolo e bicchieri.

Ridendo, scherzando,  ballando e mangiando.

Ogni volta fino a che dopo essersi sistemati non si va a nanna per il riposino del pomeriggio o per la buonanotte di fine giornata.

Spesso i momenti più belli della giornata infatti sono dettatati da gesti semplici e di tenera routine del quale con il passare del tempo non riusciamo più ad apprezzare a pieno ogni sfumatura.

Noi da sempre cerchiamo di cogliere l’attimo soprattutto se si tratta di qualcosa che in qualche modo coinvolge nostri figli. Attimi che volente o nolente si perdono nella linea del tempo dove non saranno più dei piccoli o grandi vizi ma semplicemente dolcissimi ricordi.

E se per qualcuno questo istanti possono essere considerati dei piccoli vizi non importa. Perché anche questi semplici vizi, rendono speciale ogni giorno trascorso insieme.

©MammaCheVita - Tutti i diritti riservati

You may also like

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.