Home LifeBe a son Insieme per giocare
Tecnologia per bambini anteprima post

Insieme per giocare

by Giada Lopresti

Non ho mai nascosto la mia passione per la tecnologia ne tantomeno ho mai impedito ai miei figli di utilizzare smartphone, tablet e computer se possono essere per loro motivo di svago. L’unica cosa per il quale ho però un occhio di riguardo è sia il tempo che passano davanti allo schermo che il fatto che quello che il device gli propone sia davvero educativo e adatto per loro.
Ecco perché se si parla di tablet ne hanno uno adatto alle loro esigenze e studiato appositamente per la loro età, se usano lo smartphone possono solo ascoltare le canzoni e se usano il pc tendenzialmente navigano sui social e scrivono sul blog in mia compagnia.

La colpa della passione dei miei figli è sicuramente causata dalla sottoscritta.

Io infatti do decisamente un cattivo esempio ai BigBro di casa mostrandomi spesso e volentieri un tutt’uno con il telefonino. Un pò per fargli una foto, un pò per controllare i social, un pò per rispondere alle mail, un pò perché quasi sempre l’ispirazione più bella per un post ce l’ho quando non sono davanti alla tastiera e così facendo, loro mi vedono come una mamma tecnologicamente dipendente.

Come biasimarli quindi quando decidono di prenderti come esempio? Non si può.

Con il tempo ho quindi imparato a lasciarli quasi liberi di decidere come organizzare il loro tempo dove il mio ruolo è solo quello di far rispettare le regole mostrandogli al meglio come gestirlo.
Cesare, il più grande dei due, ha decisamente passato la fase dell’ipnosi da schermo luminoso già da diverso tempo. In questo periodo è più appassionato agli action figure dei super eroi di cui vanta una considerevole collezione, adora fare i puzzle oltre che esserne davvero molto bravo, gli piace disegnare (ovviamente supereroi) e anche in questo se la cavicchia mica male e poi adora guardare i film della Disney avendo anche la fortuna di avere una mamma collezionista di tutti i classici e che quindi gli da la libera scelta dalla numerosa collezione.

Vinci invece sta attraversando in pieno questo momento di transizione in cui tutto quello che suona, canta, vibra, fa rumore ma soprattutto si connette a internet deve stare nelle sue mani.

Oltre però all’infinito amore verso il suo tablet, difficilmente mi perdona se siedo al pc senza renderlo partecipe e questo spesso mi fa slittare a livello temporale tantissimi impegni. Questo succede perché tra un “non toccare” e un “stai fermo”, è decisamente complicato riuscire a rendere il mio lavoro un momento di relax.
Ha infatti iniziato ad assaporare una certa passione per mouse e tastiera che nonostante vengano riposti in luoghi dove non riuscirebbe ad arrivare nemmeno con una scala, riesce sempre ad averla vinta per potersene impossessare per fingere di fare il piccolo scrittore.

[bctt tweet=”Con il tempo ho imparato a lasciarli liberi di decidere come organizzare il loro tempo” username=”mammachevita_g”]

È così che mi sono ritrovata costretta a renderlo partecipe alle mie attività.

Ho iniziato coinvolgendolo in qualcosa che potesse essere divertente anche per lui.
Il web infatti è una fonte inesauribile d’ispirazioni e di buone idee per poter intrattenere i bambini e visto che anche lui, soprattutto mentre lo fa il fratello, adora disegnare, per evitare di consumare una cartuccia d’inchiostro al giorno per preparargli disegni da colorare in versione fogli volanti abbiamo deciso di sperimentare un sito gratuito che ci permetta di divertirci insieme insegnandogli ad essere un pò più grande maneggiando al meglio gli attrezzi della mamma.

Ho scoperto casualmente Giochibambini.it dove la scelta dei giochi gratuiti e delle tipologie è davvero infinita. Adatti a tutte le età sono riuscita a trovare i divertimenti perfetti per il piccolo BigV nei momenti in cui si ostina nel dovermi aiutare con mouse e tastiera. Ed è in quelle occasioni che che sono costretta a mollare tutto per farlo giocare un pochino in mia compagnia.
Solitamente è lui a scegliere il personaggio con cui voler giocare (anche perché ce ne sono tanti e di davvero famosi) e poi io lo indirizzo sulle tipologie più adatte a lui o sulle versioni che secondo me posso coinvolgerlo maggiormente insegnandogli anche qualcosa di utile.

Spesso utilizziamo la pagina dei giochi dei gatti dove c’è una divertente sessione nel quale si colorano delle vignette visto che anche lui ama molto colorare e disegnare. Questo mi permette anche di prendere due piccioni con una fava: evito il disboscamento precoce di tutte le zone ancora intatte del mondo e lui non può colorarsi dalla testa ai piedi come ormai è sua consuetudine fare.

Nonostante io abbia sempre qualcosa da dire, di lati positivi ne vedo molti.

In tutto questo ho anche imparato a condividere con loro le mie cose riuscendo a trascorrere più tempo in loro compagnia anche quando credevo di riuscivo a ritagliare del tempo per me e loro imparano ad avere più confidenza con la tecnologia che volente o nolente li circonda costantemente riuscendo comunque ad utilizzare anche il pc in modo intelligente ed educativo.

So che molti genitori non sono d’accordo sul far utilizzare ai propri bambini tutto quello che comprenda degli schermi luminosi, ma quello che mi sento consigliare è che se una cosa viene costantemente sorvegliata potendone così valutare anche le potenzialità, difficilmente potrà essere una scelta sbagliata per i nostri bimbi.

©MammaCheVita - Tutti i diritti riservati

You may also like

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.