class="post-template-default single single-post postid-5746 single-format-standard elementor-default">
Home Events Shopping scontato da VIP
Prenatal VIP Club

Shopping scontato da VIP

by Giada Lopresti

In calabria fa caldo.
Non quel caldo afoso che ti fa sudare anche se sei immobile sotto al condizionatore ma di quello che ancora spesso e volentieri ti da la possibilità di uscire con la maglietta a maniche corte nonostante sia autunno.
Certo non mi vesto leggera al mattino presto o dopo il tramonto. Quelli sono momenti dove anche al sud frescheggia bellamente ma durante il giorno fa caldo abbastanza da rimanere in abiti di cotone e con le finestre spalancate.
Il bello della profonda Italia è che le mezze stagioni difficilmente arrivano e che il cambio armadio lo si possa fare solo per lo stretto indispensabile. E in una famiglia di cinque persone non è mica male!

In casa nostra riusciamo a mantenere quasi tutti gli stessi capi all’interno degli armadi senza dover usare scatoloni da svuotare o riempire. Senza cassetti o appenderie da sistemare di continuo.

QUASI una pacchia.

Ma com’è ovvio non è tutto oro quello che luccica perché se questo discorso é valido per me e mio marito, per i bambini invece è un po’ diverso. Vuoi perché andando all’asilo hanno bisogno di vestirsi a cipolla in modo da poter affrontare le temperature più basse del primo mattino spogliandosi poi all’uscita di scuola e vuoi perché crescendo così in fretta di stagione in stagione i vestiti diventano piccoli, il loro armadio è un continuo riciclo di impacchettamenti e inscatolamenti vari di abbigliamento e accessori.

Da quando l’estate è praticamente finita lasciando spazio ad un autunno più mite non ho ancora avuto modo di sistemare i loro armadi nell’attesa dell’inverno ritrovandomi così, di punto in bianco, a dover acquistare tutto da zero almeno per il più grande e il più piccolo dei miei figli.
Si perché avere tre figli non è certamente una passeggiata ma se parliamo di affrontare le spese per l’abbigliamento, allora entro davvero in crisi nera. Inutile dire che ho tentato il riciclo fino a che ho potuto ma poi, obiettivamente, anche loro hanno bisogno di vestiti nuovi.

E io che per fare questo avevo solo bisogno di tempo per riuscire a scegliere quelli giusti, senza avere nessuno dei miei quattro uomini tra i piedi. Perché mi deconcentrano, mi sfiancano e perché non sono in grado di comprendere le emozioni di una mamma durante una sessione di shopping.
Non potranno mai capire cosa si prova a scegliere il capo perfetto, cosa si prova ad abbinare i colori e a creare l’outfit giusto. O almeno i miei figli non lo capiranno mai soprattutto se li veste il padre. 

VIP CLUB21

Ecco perché quando a inizio ottobre mi hanno invitato ad una sessione di shopping sfrenato tra mamme non ho potuto dire di no.

Un momento di gioia per una donna, per di più da vivere nella mia bella Cernusco da cui ormai manco da definitivamente da un anno.
L’entusiasmo irrefrenabile di stare insieme a persone piacevoli chiacchierando come da tanto avevo bisogno di fare. E poi ripeto… facendo shopping!
Quella medicina naturale che fa  sorridere ogni donna anche nei momenti più oscuri.

Decisi quindi di partire e attraversare l’Italia per fare qualcosa di diverso che mi avrebbe risanato corpo e mente (e forse un po’ meno il portafogli ma chissene) in compagnia del mio piccolo Enea che, anche se fa parte della mia squadra di uomini, è indubbiamente il meno rompiscatole.

Dovevamo ritrovarci alla Prenatal di Cernusco. Un negozio che conosco come le mie tasche e che mi avrebbe fatto sentire come a casa.
Entrata convinta di dare sfogo a chiacchiere e spese, mi sono ritrovata di fronte alla foto dei miei bimbi stampata su delle favolose shopper di tessuto. Borse che grazie all’aiuto e ai consigli dell’illustratrice Costanza Favero sono riuscita a trasformare da divertenti shopper personalizzate a fighissime e molto pasticciate bag personalizzate.
E il tutto con una sola mano perché con l’altra tenevo mio figlio che ronfava beatamente impedendo al mio capolavoro di prendere vita.

Ma se chi l’ha dura la vince, io ho vinto creando una borsa che una volta finita, almeno per me, era splendida.

VIP CLUB51

Tra risate e pasticci il tempo è volato verso quel momento che bramavo dall’arrivo: il rilassante shopping  da fare in compagnia di altre mamme.

Credo di aver guardato tutto in quel negozio dove personalmente avrei comprato ogni singolo capo. Ho scelto con cura cercando di abbinare alla perfezione ogni singolo pezzo (un lavoro non affatto difficile quando gli outfit sono così ben proposti) e mi frenai solo quando nel mio carrello non entrò più nemmeno uno spillo.
É stato in quel momento che ho iniziato seriamente a sudare. E non per il caldo. 

Tra me e me ho pensato: “adesso in cassa ci sarà da ridere…”  e guardandomi con la mia mitica amica Serena ho iniziato a pregare tutti i Santi perché mio marito questa volta mi avrebbe ucciso.
Ho persino pensato di chiedere ospitalità per qualche giorno alla mia compagna di spese nel caso mi avesse buttato fuori di casa.
E invece quella che ci attendeva era una sorpresa a dir poco fantastica.

In cassa infatti ci è stata proposta la Prenatal VIPClub la nuova carta di Prenatal che ti permette di acquistare tutto l’abbigliamento con lo sconto del 30% PER UN ANNO dall’attivazione.

Della serie “aspetta un attimo che ho dimenticato di comprare una cosa

I miei occhi hanno iniziato a brillare come se avessi vinto alla lotteria. Il mio cuore ha iniziato a battere forte come se mi fossi innamorata per la prima volta e il mio portafogli ha iniziato a ringraziare nemmeno se si stesse inchinando per salutare all’orientale.
Con una spesa di sole trenta euro avrei avuto quella card. Trenta euro che, giuro, ho recuperato con gli interessi già dal primo scontrino.
E poi li spendi una volta e risparmi per un anno intero: vuoi che non ne valga la pena?

Insomma la VIPCLUB mi ha letteralmente fregato perché quando ho pensato “aspetta che ho dimenticato di prendere quella cosa” non scherzavo. Non contenta ho persino comprato una maglia d’allattamento per sostituire quella che Enea mi aveva rigurgitato fino al momento prima e che sembrava fosse diventata la maglia della mucca della Milka solo per la quantità improponibile di macchie di latte.

Ho terminato il mio shopping con due sacchetti (di quelli grandi ovviamente) pieni di vestiti per i bimbi con la stessa soddisfazione con il quale scopri di aver fatto l’affare del secolo. E persino  il buffet che era stato allestito per concludere la nostra mattinata insieme sembrava persino più buono e corposo.

Inutile dire che mattinate così ogni mamma dovrebbe poterle vivere  almeno una volta nella vita e da oggi possiamo dire grazie a Prenatal e alla sua Prenatal VIPCLUB non per farlo una volta sola, ma per ben dodici mesi consecutivi ogni volta che se ne ha voglia (e nel frattempo, io, vado a preparare le carte per il divorzio).

VIP CLUB5

VIP CLUB107

VIP CLUB42

#PrenatalVIPclub

©MammaCheVita - Tutti i diritti riservati

You may also like

1 comment

Vestiti d'inverno | MammaCheVita 22 Febbraio 2017 - 17:41

[…] perché quando un paio di mesi fa andai da Prenatal per del sano e rilassante shopping in compagnia di altre mamme, mi innamorai di tantissimi vestiti […]

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.