class="post-template-default single single-post postid-9018 single-format-standard elementor-default elementor-kit-10205">
Home Events Piccoli esploratori

Piccoli esploratori

by Giada Lopresti

Quando si ha a che fare con dei bambini, ogni cosa viene vista con occhi diversi.
Tutto è magico ed emozionante e persino le situazioni più semplici, sembrano qualcosa di infinito.

È un aspetto che ho potuto sperimentare decine di volte. È una sensazione che ho provato ogni qual volta proponevo ai miei figli qualcosa di diverso, anche quando veniva proposto loro qualcosa di conosciuto e quotidiano.
Tutto diventa meraviglioso, semplicemente perché la loro mente ha la capacità di elaborare le situazioni vissute, riuscendo a trovare il bello in ogni cosa usando semplicemente la fantasia.

Lo noto quando andiamo al parchetto e un semplice scivolo si trasforma in una nave pirata. Lo vedo quando, salendo sull’altalena, sognano di volare in alto come superman, facendosi sfiorare il viso dall’aria che li accarezza pettinando i loro capelli per poi rivolgersi controvento.
L’ho vissuto persino quando abbiamo deciso di trascorrere un weekend all’insegna di due parchi giochi divertenti dove tutto, ma proprio tutto, sembrava ai loro occhi unico e speciale.

Grazie a loro mi sono accorta che ogni giorno si vive una storia diversa, nonostante le similitudini con quelli passati.
Ogni giorno è un’avventura da godere fino all’ultimo, cogliendo le diverse sfumature.
Ogni giorno è un giorno da cui imparare e da cui creare e custodire nuovi ricordi.

Esplorare la vita, per un bambino, è la vera parola d’ordine.

Esplorare ogni aspetto della vita diventa quasi una scoperta da vivere da soli o in compagnia della famiglia e degli amici e, spesso, per i miei figli, vuol dire condividere tutto questo con i rispettivi fratelli che, oltre ad essere tali, si rivelano frequentemente anche degli ottimi amici e compagni di gioco e di avventura.

Banalmente li vedo fantasticare su mondi immaginari all’interno delle quattro mura del salotto, sognando di essere parte di qualcosa di molto più grande di loro.
Mi piace osservarli;soprattutto quando si divertono a calciare una piccola pallina e in un attimo fanno finta di essere i protagonisti di un’importante partita a livello mondiale o quando, disegnando paesaggi rinchiusi nella loro mente, esplorano mondi mai visti in compagnia di alcuni dei loro personaggi preferiti che, grazie alla loro piccola opera artistica, diventano i protagonisti – insieme a loro – di una storia strabiliante.

Il meglio di loro viene fuori sicuramente quando gli viene data la possibilità di sentirsi diversi per un giorno.

Le emozioni che mi hanno fatto vivere, quando siamo stati a Leolandia, sono state uniche.
Nei loro occhi ho visto la gioia, quella vera, attraverso la conoscenza di attrazioni che hanno saputo davvero stimolare la loro fantasia.
Soprattutto nel più piccolo che, ad ogni novità, aveva lo sguardo innamorato nei confronti della vita.

Ho visto i miei figli scoprire mondi nuovi attraverso ambientazioni fantastiche e la possibilità di vedere dal vivo alcuni dei loro personaggi preferiti che, inevitabilmente, li hanno portati a godere maggiormente quella magia che li ha aiutati a dire “è davvero tutto reale”.

È emozionante infatti toccare con mano qualcosa che hai sempre e solo in visto in televisione. Qualcosa che credevi fosse irreale, qualcosa che credevi non potesse esistere per poi ritrovartelo inevitabilmente davanti, osservandolo con occhi innamorati ed estasiato dal fatto che invece tutto è possibile.

Un po’ come quando hanno potuto osservare più e più volte il trenino Thomas sfrecciargli davanti con quel suo sorrisone speciale, seguito da una decina di vagoni pieni di bambini che salutavano emozionati per essere su quel trenino blu, locomotiva 1 della Ferrovia di Sodor.

Quello stesso trenino Thomas che è il sogno di moltissimi bambini.

Lo stesso trenino Thomas che può diventare reale per un giorno anche grazie all’iniziativa a cui anche noi stiamo partecipando e a cui dovrebbero partecipare tutti i bambini che amano Thomas e i protagonisti che insieme a lui vivono ogni giorno diverse e fantastiche avventure.

Il 23 aprile, infatti, ha preso il via una divertente iniziativa “Tutti a bordo esploratori” che coinvolge tutti gli appassionati del trenino Thomas. Ogni settimana, per sei settimane, rispondendo agli indovinelli del Trenino Thomas (è online il secondo), con disegni e lavoretti, si potrà far parte dei sei fortunati candidati settimanali che riceveranno un gadget; tra questi verrà poi effettuata la selezione finale del “piccolo eploratore” che avrà la possibilità di fare un reportage sulla sua avventura a Leolandia, lo stesso parco divertimenti dove anche io ho visto i miei bambini sognare come mai credo abbiano fatto fino ad oggi.

L’iniziativa è aperta a tutti e non è vincolata ad acquisti; quindi perché non parteciparvi per provare a essere selezionatie regalare così un piccolo sogno ai nostri bambini?
Quello che posso dire io, con assoluta certezza, è che partecipare non costa nulla  ma essere selezionato, soprattutto in questo caso, potrebbe essere davvero un’avventura indimenticabile.

Parola di chi ci è passato da poco e che custodirà il ricordo di quel giorno come uno dei più belli trascorsi insieme alla sua famiglia.

#iltreninothomas #tuttiabordoesploratori

<Post in collaborazione con il trenino Thomas>

©MammaCheVita - Tutti i diritti riservati

You may also like

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.